IVANA SPINELLI



Titolo:


RAID[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container][fusion_builder_container hundred_percent=
Titolo:Re-form: Forma A – Forma B

Un ufficio abbandonato e vandalizzato nella fabbrica dismessa.
La mia azione consiste nel mettere in ordine e pulire come processo che porti da una forma A/ monumento decadente a una forma B/ ufficio fantasma. Nel frattempo si instaura un dialogo con le presenze che hanno abitato l’ufficio: sindacalisti e operai che si sono confrontati e hanno prodotto documenti, lasciato reperti o piccoli testimoni di una quotidianità, come la lettera di mobilità o la schedina del totocalcio che risistemo in un cassetto. Chiudo le finestre, riorganizzo la scrivania, la bandiera della Fiom, i fischietti pronti per la protesta, una piantina fiorita e la foto incorniciata, e fuori contesto, di Mierle Laderman Ukeles che negli anni ’70 aveva fatto del pulire un manifesto.

Title: Re-Form: Form A – Form B

An abandoned and vandalized office in a disused factory. My action consists in ordering and cleaning, as a process leading to a form A/ decaying monument to a form B/ ghost office. In the meanwhile a dialogue is established with the presences who  used to inhabit the office: trade unionists and workers who discussed and produced documents, leaving small rests or witnesses of everyday life, such as a firing letter or a Football pools coupon, which I  rearrange in a drawer. I close the windows, reorganized the desk, the Fiom/Trade Union’s banner, the whistles ready for the protest, a flowered seedling, and framed, and out of context, a photo of Mierle Laderman Ukeles, who in the ’70s used the cleaning-action as a Manifesto.